ABBONATI AL SITO PER UN ANNO

ABBONATI AL SITO PER UN ANNO
SCOPRI LA NOSTRA OFFERTA ECCEZIONALE. CLICCA SULL'IMMAGINE SOPRA

mercoledì 30 luglio 2014

IL TECNICO DEL TORINO VENTURA ALL'ESORDIO NELLE COPPE EUROPEE
















A 66 anni e dopo 889 panchine tra i professionisti, Gian Piero Ventura farà domani il suo esordio nelle coppe europee guidando il Torino nella trasferta sul campo del Brommapojkarna, nel match d'andata del 3/o turno preliminare di Europa League.

ESERCITAZIONE PER LA TRASMISSIONE, LA RICEZIONE E IL MOVIMENTO

Da un'idea del Settore Giovanile Schalke 04

Obiettivi: TRASMISSIONE – RICEZIONE - MOVIMENTO
Esercitazione di gruppo su “Y” (a destra e sinistra) a 5 o più giocatori.

Materiale occorrente: 4 coni – palloni – pettorine

Preparazione: Con i 4 coni disegnare una Y e dislocare 3 giocatori senza palla nelle postazioni B-C-D, mentre nella postazione A/E si collocano 2 giocatori di cui solo A ha la palla mentre E attende il suo turno alle spalle.
Spazi e distanze fra i coni a seconda dell'abilità dei giocatori.

Descrizione: Si parte da destra come da fig. 1
• Inizia il gioco A che passa la palla a B (1) che la ripassa ad A (2) che la gira prontamente a C (3);
• C , a sua volta, riceve la palla e la gioca per B (4) portatosi in B1 che la rigioca per C (5) in C1;
• C , dopo lo scambio con B, controlla la palla e la scarica a E (6) in attesa che farà ripartire il gioco dalla parte sinistra e con le stesse modalità del gioco precedente come da fig. 2.

Figura 1









martedì 29 luglio 2014

ESERCITAZIONE INTEGRATA: DOPPIO 1 VS 1 DOPO COMBINAZIONE

Obiettivi: Tecnico-Tattici e Fisici. Allenare la Trasmissione della palla e la fase offensiva.
















Esecuzione: In questa esercitazione abbiamo inizialmente due giocatori rossi R1, R2 e due giocatori gialli G1, G2 posizionati come nella figura (R1 sul cono A; R2 sul cono B; G1 sul cono D e G2 sul cono C, con palla posizionata sul cono A (dove si trova R1). 
Al segnale del Mister partono i giocatori R1, R2 e G2 ed ognuno va ad aggirare il paletto posto a distanza di circa 6 metri dal cono di partenza di ciascuno per poi ritornare sulla posizione di partenza (R1 aggira il paletto P1, R2 il paletto P2 e G1 il paletto P3) . 
Ritornati alla posizione di partenza il giocatore R1 passa la palla al giocatore R2 (passaggio 1) che a sua volta gioca su G2 (passaggio 2).

ANALISI TATTICA MONDIALI: OLANDA-MESSICO

OLANDA - MESSICO: GRANDE PARTITA, EMOZIONANTE.
OTTAVI - ESTADIO CASTELAO, FORTALEZA - 29 GIUGNO 2014 - 18:00 ORE ITALIANE
























Ha ragione Fabio Capello: dal punto di vista tecnico in assoluto questi sono i migliori mondiali.

1-4-3-1-2 l’Olanda,














1-5-3-2 il Messico.

Succede che il Messico palleggia di più perché costruisce con il rombo fatto dai tre difensori più il centrocampista centrale 













e quando il centrocampista centrale è marcato va in avanti e viene una mezzala; 















FUNINO: UNA PROPOSTA PER RICOSTRUIRE IL CALCIO GIOVANILE ITALIANO PARTENDO DAI BAMBINI.

Ricostruire il calcio italiano.
Horst Wein, il guru mondiale del calcio giovanile, ispiratore della cantera del Barcellona, sbarca a Begamo per un corso di formazione unico all'insegna dell'innovazione. 






















Il fragoroso flop dell'Italia ai Mondiali in Brasile è l'evidente fallimento di un sistema. Ecco perchè – è ormai chiaro a tutti – è giunto il momento di cambiare rotta. Di percorrere un'altra strada, che metta in archivio gli errori del passato e del presente. Bisogna ripartire dai bambini. Dal calcio di strada. Da un nuovo modello di insegnamento. Da formatori qualificati.

Horst Wein, il coach dei coach, ispiratore della ineguagliata cantera del Barcellona, che ha formato oltre 12mila allenatori in 60 Paesi del mondo, dal 27 al 29 agosto sarà a Bergamo per portare la sua ricetta.  Si chiama “Il calcio a misura dei ragazzi” ed è il metodo adottato dalla Federazione Spagnola, grazie alla quale ha creato le generazioni diventare campioni d'Europa e del mondo. Lo stesso metodo utilizzato da Nazioni emergenti come il Messico, il Costarica, la Colombia.

Grazie all'FC BERGAMO, società neonata che vuole puntare sulla qualità, partendo dalla Scuola calcio, tutti i tecnici della Lombardia e oltre avranno modo di partecipare a un corso di formazione di livello mondiale che si terrà presso il centro sportivo di via Flores. Un format che, nei mesi scorsi, ha già riscosso un grande successo a Desio, Carpi, Roma, Pescara, Sassari, coinvolgendo oltre 600 allenatori lungo la Penisola, sia di società dilettantistiche che professionistiche.

Wein, vero e proprio “santone” venerato in tutti i continenti per la sua sapienza calcistica, sarà affiancato dal prof. Marcello Nardini, ex portiere dell'Hannover 96 in Bundesliga, formatore dei formatori e presidente della Horst Wein Association Italia. Wein e Nardini dimostreranno il FUNino (calcio 3 contro 3 a quattro porte ideale per sviluppare le capacità intellettive dei bambini, uno dei segreti della crescita di un giocatore straordinario come Xavi) e una serie di esercizi di “Brain Kinetic”, con gli specialisti dott. Marco Lizzio e Franco Anglana e l’ausilio di attrezzature particolari come palloni da rugby, palloni sonori, bende totali e parziali e mascherine speciali. I partecipanti avranno modo di entrare in “un'altra dimensione” dell'insegnamento calcistico, lontana anni luce da schemi e modelli ormai antiquati.

Ultimamente, Wein è spesso in Italia, dove vuole gettare le basi per la rinascita del calcio tricolore: come? Con i corsi di formazione e dando il suo contributo a un polo di formazione per allenatori che nascerà in Sardegna. Ma anche con il primo Festival internazionale di FUNino che si terrà il 20 settembre a Monza, con squadre di bambini da tutta Europa. La sua ricetta base – che consiglia all'apparato pallonaro nazionale – è a costo zero: “Occorre ristrutturare le competizioni formative cancellando ogni campionato fino ai 12 anni: in nessun Paese del mondo si fanno classifiche con i bambini, creano solo stress.  Poi bisogna offrire diversi giochi, non sempre lo stesso: loro vogliono varietà, proponiamo un gioco nuovo ogni 3 mesi. Il calcio deve essere a misura di bambino sia sotto il profilo fisico che intellettivo: non possono a 9 anni giocare in un campo a 7. Con il FUNino ci sono molti gol, non badano al risultato, rischiano, non hanno paura di sbagliare, anzi imparano dagli errori e si divertono, senza pressioni. Ecco, in Italia i bambini hanno troppe pressioni, troppi esami, a calcio, come a scuola”. Secondo Wein, “occorre cambiare metodo di insegnamento: cancellare il termine istruttori e creare formatori, che accompagnino i giovani a una scoperta del gioco, senza dare istruzioni”

“E' una occasione unica per conoscere il nuovo che avanza - dichiarano i responsabili del FC BERGAMO - per mettere davvero il bambino al centro del progetto e fargli riscoprire il piacere del calcio. Noi vogliamo impostare un lavoro di qualità, superando tutti i campanilismi che si vivono nel panorama dilettantistico bergamasco, promuovendo e condividendo questo metodo eccezionale”.

Il corso, teorico e pratico, inizierà mercoledì 27 alle ore 15. Programma, moduli di iscrizione e riferimenti per ulteriori informazioni si trovano sul sito www.fcbergamo.it

"Se desideriamo vincere nel calcio, dobbiamo aprire nuovi orizzonti, invece di percorrere sempre la stessa strada piena di errori" (H.Wein).

"Bisogna adattare il gioco al bambino e non obbligare il giovane calciatore al gioco degli adulti" (H.Wein).


“I buoni formatori sono quelli che non istruiscono, ma guidano i giocatori a scoprire e a pensare” (H.Wein).

lunedì 28 luglio 2014

ADVOCAAT NUOVO ALLENATORE DELLA NAZIONALE SERBA

Dick Advocaat ha firmato un biennale con la Serbia in vista delle qualificazioni per UEFA EURO 2016. "Ho scelto la Serbia perché ritengo possibile fare qualcosa di importante per il futuro", ha dichiarato il tecnico.

"Ho scelto la Serbia perché ritengo possibile fare qualcosa di importante per il futuro, a partire da EURO 2016 - ha commentato Advocaat, che ha allenato l'Olanda due volte oltre alle nazionali di Belgio, Russia, Corea del Sud ed Emirati Arabi Uniti -. Nel frattempo dobbiamo lavorare molto per migliorare le nostre qualità ed eliminare i punti deboli. Ho visto che i giocatori della Serbia hanno una grande passione per la loro nazionale, il che è un bene. Il girone di qualificazione è difficile, ma sono ottimista".

AMMESSI CORSO SPECIALE PER L'ABILITAZIONE AD ALLENATORE DI SECONDA CATEGORIA UEFA A

Allievi ammessi al Corso speciale per l’abilitazione a “Allenatore Professionista di 2a categoria - UEFA A”, indetto con Comunicato Ufficiale del Settore Tecnico n° 268 del 11 Giugno 2014 e n° 268 bis del 30 Giugno 2014. 














Il Settore Tecnico della F.I.G.C., sulla base di quanto previsto nei Comunicati Ufficiali sopra indicati, ha deliberato di ammettere al Corso per l’abilitazione a “Allenatore Professionista di 2a categoria - UEFA A”,

CALCIATORI SENZA CONTRATTO A COVERCIANO, GIOVEDÌ 31 LUGLIO LEZIONE DI LUCIANO SPALLETTI

Nell’ambito del consueto raduno organizzato ogni anno a Coverciano dall’Associazione Italiana Calciatori per la preparazione precampionato dei calciatori “senza contratto”, Giovedì 31 luglio è stata programmata una lezione che sarà tenuta da Luciano Spalletti.


L'INTEGRAZIONE DELLA PERIODIZZAZIONE TATTICA NEI MODELLI DI ALLENAMENTO

“Ogni conoscenza è una traduzione e nello stesso tempo una ricostruzione (a partire da segnali, segni, simboli), sotto forma di rappresentazioni, idee, teorie discorsi.

L’organizzazione delle conoscenze, che si effettua in funzione di principi e regole che non è il caso di esaminare qui, comporta operazioni di interconnessione (differenziazione, inclusione, implicazione) e di separazione (differenziazione, opposizione, selezione, esclusione). 

Il Processo è circolare, passa dalla separazione al collegamento, dal collegamento alla separazione, e poi, dall’analisi alla sintesi, dalla sintesi all’analisi.
In altri termini, la conoscenza comporta nello stesso tempo separazione e interconnessione, analisi e sintesi.

venerdì 25 luglio 2014

CLAUDIO RANIERI NUOVO TECNICO DELLA NAZIONALE DELLA GRECIA

Dopo la nomina di Claudio Ranieri sulla panchina della Grecia, passiamo in rassegna tutti gli altri allenatori italiani che hanno guidato una nazionale europea.

Claudio Ranieri è stato presentato ufficialmente come nuovo allenatore della Grecia con un contratto di due anni.

Il tecnico prende il posto di Fernando Santos, che ha rassegnato le dimissioni dopo aver portato la rappresentativa ellenica agli ottavi della Coppa del Mondo FIFA 2014. 

Ranieri, che per la prima volta accetta la panchina di una nazionale, ha dichiarato: "Quando ho incontrato il presidente della federazione [Giorgos Sarris], ho avuto una sensazione positiva, e dato che conosco bene la squadra greca ho deciso che sarebbe stata una buona cosa venire qui.

"Ho seguito la Grecia al Mondiale. Ha fatto un buon torneo e mi è piaciuto particolarmente il suo spirito. Continueremo a lavorare sodo. Il mio obiettivo è quello di fare i migliori risultati possibili".