OFFERTA DI ABBONAMENTO DICEMBRE

OFFERTA DI ABBONAMENTO DICEMBRE
COACHING SUBSCRIPTION OFFER-ENTRENADORES SUSCRIPCION

PARTECIPA AL 7° TORNEO DI PASQUA AD ISCHIA

PARTECIPA AL 7° TORNEO DI PASQUA AD ISCHIA

giovedì 18 dicembre 2014

TATTICA INDIVIDUALE: ALLENIAMO I GIOCATORI SUL DUELLO 1 VS 1

Obiettivi: Tattica individuale, 1 vs 1, 2 vs 1 in particolare con ricerca dell'uno due.
Categorie indicate: Esordienti e Giovanissimi.

Misure campo di gioco: 15x25 metri in relazione alle capacità dei ragazzi.




Esecuzione: L’esercitazione inizia con degli 1 vs 1. L’attaccante blu dopo contro movimento lungo-corto riceve palla del centrocampista a sostegno e dopo controllo orientato dovrà cercare di superare il difensore arancione.

PRIMA SQUADRA: MOVIMENTO BLOCCO DIFENSIVO (MODULO 1-4-3-3) E CONTESTUALE PARTITA A TEMA

Obiettivi: Allenare i calciatori nella fase difensiva, nel possesso palla e le Transizioni.



















Esecuzione: In questa esercitazione abbiamo inizialmente un blocco di 7 giocatori (canonico blocco difesa-centrocampo del modulo 1-4-3-3) di cui 5 gialli (i numeri 2, 3, 4, 5, 6) e 2 (8 e 10) nel ruolo di jolly. 
ll blocco così composto, che agisce nel Settore A, esegue i movimenti in base allo spostamento della palla (passaggi 1, 2, 3, 4, 5, 6) che avviene durante l’esecuzione dell’esercizio dai giocatori rossi 4, 5, 6, 7, 9, 11 nella metà campo opposta, e secondo la seguente sequenza: palla da 6 a 7 (passaggio 1), successivo scarico di 7 su 6 venuto a sostegno (passaggio 2) e passaggio di 6 a 4 (passaggio 3) con 7 e 6 che cambiano la loro posizione (7 dopo corsa ad aggirare il paletto P1). 

mercoledì 17 dicembre 2014

PETEV NUOVO CT DELLA BULGARIA

Ivaylo Petev è diventato il nuovo Ct della Bulgaria dopo l'addio di Luboslav Penev lo scorso mese. Il primo impegno ufficiale del 39enne sarà contro l'Italia a Sofia il 28 marzo. 

Petev inizierà ufficialmente la sua nuova avventura dall'1 gennaio, avendo siglato un contratto triennale con la Federcalcio bulgara (BFU). 

"Sono orgoglioso di aver ricevuto l'onore di guidare la nazionale e di essere stato appoggiato dal Comitato Esecutivo della federcalcio - ha dichiarato -. 

DECISIONI COMMISSIONE DISCIPLINARE

Si riportano di seguito le decisioni assunte dalla Commissione Disciplinare del Settore Tecnico nella riunione del 12 dicembre 2014 svoltasi a Firenze.

Procedimento disciplinare a carico di MAURIZIO ZOPPO – Collegio della Commissione
Disciplinare composto da Bruni, Scarfone e Casale. Durante con compiti di segreteria.
La Commissione Disciplinare del Settore Tecnico:
- tenuto conto degli atti e dei documenti acquisiti;
- considerato che il sig. MAURIZIO ZOPPO è stato deferito per rispondere della
violazione di cui agli artt. 1, comma 1, del CGS e dell’articolo 38 del Regolamento del
Settore Tecnico, con riferimento a quanto prescritto dalla L.N.D. con C.U. n. 1 stagione
sportiva 2013/13 per aver pattuito con la società G.S.D. Pianonoscarano 1949 per la
conduzione tecnica, un accordo economico nettamente superiore ai massimali previsti;
- valutate le argomentazioni accusatorie della Procura Federale che ha chiesto la sanzione
della squalifica fino al 12 marzo 2015;
Ritenuto che:
- gli addebiti risultano documentalmente comprovati
P.Q.M.
dichiara il sig. MAURIZIO ZOPPO responsabile dell’ addebito disciplinare contestato e, di
conseguenza, infligge la sanzione della squalifica fino al 12 marzo 2015.

Procedimento disciplinare a carico di GABRIELE LUCCHI – Collegio della Commissione
Disciplinare composto da Bruni, Scarfone e Casale. Durante con compiti di segreteria.
La Commissione Disciplinare del Settore Tecnico:
- visto il verbale di udienza in cui si dà atto della proposta di applicazione della sanzione
ridotta ai sensi dell’art. 23 del CGS come formulata dal deferito con riduzione della
squalifica fino al 30 giugno 2015 nei limiti in cui è stata accolta dalla Procura Federale;
RITIENE
- corretta la qualificazione dei fatti proposti e congrua la sanzione sopra determinata la cui
decorrenza è stabilita a far tempo dalla data di riunione della Commissione giacché la
sottoscrizione da parte del difensore munito di procura speciale integra la piena conoscenza e dunque espleta gli stessi effetti della formale comunicazione.

ABILITATI CORSO DIRETTORE SPORTIVO

Il Settore Tecnico della FIGC, visti i risultati degli esami sostenuti dai candidati che hanno frequentato a Coverciano il Corso per Direttore Sportivo indetto con CU n. 5 del 17 Luglio 2014, abilita alla professione di Direttore Sportivo i seguenti nominativi:














AREA TECNICA
Pietro ACCARDI
Filippo AGOMERI ANTONELLI
Mansoul AMEUR
Jonatan BINOTTO
Stefano BRASCHI
Valentina BUTTINI
Adriano CIARDULLO
Giuseppe COLUCCI
Gennaro DELVECCHIO
Elio DI TORO
Marco FERRARI
Filippo FURIANI

ABILITATI CORSO ALLENATORE DILETTANTE - ROMA

Il Settore Tecnico della F.I.G.C., visti i risultati degli esami sostenuti dai candidati che hanno frequentato il Corso Regionale indetto con Comunicato Ufficiale n° 61 del 01/10/2014, tenutosi a ROMA

martedì 16 dicembre 2014

ALLENAMENTO DEI PORTIERI: ALLENARE LO STIMOLO VISIVO

Obiettivo Principale: Tecnica del Portiere
Obiettivo dell'esercizio (a cosa serve): Allenare lo stimolo visivo.

Materiale occorrente: 
n.6 palloni; 
n.2 cinesini di colore diverso.




















Esecuzione: Portiere da' le spalle al Preparatore. Al fischio del Preparatore, il Portiere si gira a sx o dx in base a dove il Preparatore stesso decide di lanciargli la palla.

ESERCITAZIONE PER ALLENARE LA TRANSIZIONE E L'AMPIEZZA

Obiettivi: Lavorare sull'Ampiezza e sulla Transizione.
Categorie indicate: Giovanissimi e Allievi.























Esecuzione: Abbiamo un 7 contro 4 cercando di uscire dal basso con le varie uscite. 
Uscite sugli Esterni bassi dx sx oppure su i due difensori centrali oppure su i mediani

OGGI IL CT CONTE INCONTRERÀ A MILANO GLI ALLENATORI DI SERIE A

A seguito delle valutazioni emerse nei giorni scorsi in Consiglio Federale e in Assemblea di Lega sulla necessità di avviare un confronto tecnico tra Nazionale e Club teso alla crescita di tutto il sistema, FIGC e LEGA SERIE A hanno convenuto di promuovere l’incontro “Rapporto Club/Nazionale: se migliorabile, come?”, in programma oggi nella sede della Lega a Milano in Via Rossellini, 4  con inizio alle ore 10.













Interverranno il presidente federale Carlo Tavecchio,

lunedì 15 dicembre 2014

MODULO 1-4-1-4-1: PRESENTAZIONE E FASE DIFENSIVA (PARTE 1)

Abbonati al sito per un intero anno a soli 25 Euro: Ricevi gli articoli in formato Pdf ed centinaia di file in regalo cliccando qui: http://www.allenaremaniacoachesworld.com/negozio-ufficiale/

Come ben sappiamo le linee di disposizione (reparto difensivo, centrocampo ed attacco) sono rappresentate generalmente da quattro numeri, ad esempio 1-4-3-3; 1-3-5-2; 1-4-4-2; etc etc

Nel sistema 1-4-1-4-1 le linee di dislocazione di base diventano cinque, in quanto il
centrocampista centrale basso si posiziona tra la linea di difesa e quella di centrocampo.
Questo sistema di gioco riesce a soddisfare in pieno i principi tattici nelle due fasi di gioco.




















Nella fase di non possesso riesce a dare grande concentrazione al centro del campo, favorendo l’imbuto difensivo basilare per la difesa della porta, ma lo reputo principalmente ideale per sviluppare la fase di attacco in quanto garantisce molto spazio per l’inserimento dei giocatori che partono da dietro, considerato che abbiamo una sola punta (n° 9 figura 1).

BRESCIA: ESONERATO IVO IACONI, AL SUO POSTO JAVORCIC

I lombardi cambiano guida tecnica dopo il k.o. con lo Spezia: in panchina va il tecnico della Primavera.















Ivo Iaconi non è più l’allenatore del Brescia. 
A comunicarlo è la stessa società lombarda con una nota sul sito ufficiale del club. 
Fatale al tecnico l’ultimo k.o. casalingo con lo Spezia di sabato. 

AIAC MASSA CARRARA: INCONTRO DIBATTITO CON IL MISTER MARCELLO LIPPI













L'Aiac di Massa Carrara organizza un incontro dibattito con Marcello Lippi.

TEMA: "IL Valore del calcio CINESE, la sua direzione ,la sua organizzazione,la differenza con il calcio Italiano, le differenti interpretazioni".

Un mister di valore mondiale che ha vinto di tutto, dal mondiale alle supercoppe, alle coppe europee alle italiane, ai campionati in Italia e in Cina, un grosso premio per AIAC MASSA CARRARA, al direttivo provinciale, al suo presidente TAPONECCO

ABILITATI CORSO ALLENATORE DILETTANTE - MILANO

Il Settore Tecnico della F.I.G.C., visti i risultati degli esami sostenuti dai candidati che hanno frequentato il Corso Regionale indetto con Comunicato Ufficiale n° 67 del 01/10/2014, tenutosi a MILANO dal 10/11/2014 al 29/11/2014, per conseguire l'abilitazione a 'ALLENATORE DILETTANTE', ha deliberato di iscrivere nei propri ruoli con tale qualifica:






 STEFANO ARENA
PAOLO FRANCESCO AVELLA
ALESSANDRO BESCAPE’
FRANCISCO BLANCO
EL HOUCINE BOUBKRI
MARCO BRAMBILLA

domenica 14 dicembre 2014

SEGUIAMO UN'INTERA STAGIONE: SEDUTA OPERATIVA POMERIDIANA DEL 18 AGOSTO 2014

A cura di Emanuele Aquilani (Allenatore Uefa B San Lorenzo Calcio Allievi Regionali).











FASE DI ATTIVAZIONE, WARM UP

Esecuzione: 20 minuti di messa in marcia; dominio e controllo della palla all’interno del cerchio di centrocampo.

- Esercizio di palleggio con i due piedi con palline colorate;
- Esercizio di palleggio con il pallone;
- Guida della palla “nel traffico”.

ESERCITAZIONE SITUAZIONALE: 1 VS 1 + TIRO IN PORTA

Obiettivi: Conduzione palla, Capacità coordinative, 1 vs 1 finta e dribbling, tiro in porta.
Categorie indicate: Pulcini, Esordienti

Materiale occorrente: Porticine mobili o paletti, palloni, cinesini colorati, conetti.



















Esecuzione: Disposizione della squadra in due file A e B. I giocatori della fila A hanno un pallone a testa. Il giocatore A ed il giocatore B partono insieme. B effettua un determinato numero di salti con la corda per poi affrontare la speed ladder e raggiungere

BAZDAREVIC NUOVO ALLENATORE DELLA BOSNIA

Il 54enne Mehmed Baždarević è il nuovo allenatore della Bosnia-Erzegovina, e ha detto: "Non abbiamo tempo da perdere. La strada verso la Francia è tortuosa".

Il 54enne ex giocatore di FK Željezničar, FC Sochaux-Montbeliard e Jugoslavia è stato scelto dalla federazione della Bosnia-Erzegovina (NSBiH) con l'obiettivo di

sabato 13 dicembre 2014

CONTE IN VISITA ALL’EMPOLI: “UNA BELLA REALTÀ, UN GRANDE LAVORO CON I GIOVANI”

“Ho voluto visitare una bellissima realtà e una società che sta lavorando bene con i giovani, giovani che sono il presente ma soprattutto il futuro”.

Antonio Conte ha proseguito il suo tour di visita alle squadre della Serie A e, assieme al team manager Gabriele Oriali, ha fatto oggi tappa a Empoli. 
Il ct della Nazionale italiana ha prima incontrato il presidente azzurro Fabrizio Corsi, col quale ha pranzato al Centro sportivo di Monteboro, e poi ha assistito alla seduta della squadra al Castellani,

venerdì 12 dicembre 2014

FOCUS MATCH ANALYSIS: LA JUVE NEL DERBY DELLA MOLE

Anche nel derby di Torino, Allegri schiera la Juve con il 1-4-3-1-2 che diventa 1-3-4-1-2 e in fase di possesso e un 1-4-4-2 in fase di non possesso.




















FASE OFFENSIVA

giovedì 11 dicembre 2014

COMBINAZIONE A 4 GIOCATORI 1 VARIANTE 2

Si esegue l'esercizio con tocchi vincolati (due tocchi). 
Controllo e passaggio piede diverso.


















Per guardare la descrizione dell'esercizio clicca qui:   http://www.allenaremania.com/2014/12/combinazione-4-giocatori-1-variante-1.html

ESERCITAZIONE PER ALLENARE IL PRESSING- ENTRENAR LA PRESION

Lavoro per l'iniziazione del Pressing (azione tecnica collettiva).

Obiettivo principale: Lavorare sul pressing collettivo.

Svolgimento: Si formano tre quadrati ognuno 20 x 20 metri, formando a sua volta un triangolo di separazione tra di loro di 10 metri.
In ciascun quadrato si lavora sul possesso palla e un gruppo (in questo caso la squadra verde) attende fuori dai quadrati un segnale dell'allenatore.
Quando il Mister dà il segnale il gruppo che sta fuori corre verso un quadrato provando a conquistare palla. Appena recuperato il pallone, la squadra che ha perso il possesso palla andrà velocemente verso un altro quadrato ripetendo l'esercizio.

Variante: Limitare il numero di tocchi.

Materiale occorrente: Palloni, conetti o cinesini.
Giocatori impiegati: Minimo 16
Tempo di lavoro: 15-20 minuti circa.

























ESPANOL

Ficha del Ejercicio: Pressing (Acciones Técnicas Colectivas)
Descripción: Trabajo para la iniciación del pressing

Objetivo: Trabajar el pressing.

Desarrollo: Se forman 3 cuadrados de unos 20x20 mts, formando a su vez un triangulo de una separación entre ellos de 10 mts. 
En cada cuadrado trabajan posesión de balón y un grupo espera fuera a la señal del entrenador. 
Cuando el entrenador da el aviso el grupo que esta fuera sale corriendo hacia
un cuadrado e intentan robar el balón, cuando se consigue, el equipo que ha perdido la posesión de balón sale a esprin hacia otro cuadrado repitiendo el ejercicio.

Variaciones sobre el ejercicio: Limitar el número de toques

Material deportivo necesario: petos, balones y conos/chinchetas

Observaciones: Número mínimo de jugadores: 16

VIDEO
video